Forum by U Siti i Vruvicaru
Torna alla HomePage - Vai alla Chat - Vai alla Fotogallery

Notizia: Forum, Chat e Fotogallery aggiornati alle ultime versioni
 
*
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?
Settembre 20, 2019, 08:53:45 pm


Accesso con nome utente, password e durata della sessione


Pagine: [1] 2
  Stampa  
Autore Discussione: Siti internet  (Letto 32065 volte)
carlito
Signore
*

Fama: 5
Sesso: Maschio
Messaggi: 61



Mostra profilo
« inserita:: Gennaio 22, 2008, 07:27:29 pm »

In questo topic vogliamo segnale i siti internet strani, interessanti, curiosi, pazzi etc etc

io inizio segnalando http://www.disinformazione.it sito molto interessante...

vedetelo!

Registrato

I know what I want and I say what I want and no one can take it away...
Tere
Nobile


Fama: 7
Sesso: Femmina
Messaggi: 19



Mostra profilo
« Risposta #1 inserita:: Gennaio 24, 2008, 02:55:48 pm »

Bravo Carlito,sito internet davvero interessante
Registrato
carlito
Signore
*

Fama: 5
Sesso: Maschio
Messaggi: 61



Mostra profilo
« Risposta #2 inserita:: Febbraio 12, 2008, 06:56:04 pm »

http://www.luogocomune.net/
Registrato

I know what I want and I say what I want and no one can take it away...
picciolarox
Cavaliere


Fama: 2
Messaggi: 9



Mostra profilo
« Risposta #3 inserita:: Marzo 17, 2008, 10:02:37 pm »

heyyyyyyyy.....
ma xk nn segnalate siti pi divertenti?Che?!?
tutti siti d attualit...uff...a me nn piacciono!!!
baci Ghigno
Registrato
carlito
Signore
*

Fama: 5
Sesso: Maschio
Messaggi: 61



Mostra profilo
« Risposta #4 inserita:: Marzo 18, 2008, 09:34:08 am »

heyyyyyyyy.....
ma xk nn segnalate siti pi divertenti?Che?!?
tutti siti d attualit...uff...a me nn piacciono!!!
baci Ghigno


ti accontento subito cara....

fatti un giro qui (non so se gi lo conosci!)

http://www.20q.net

Registrato

I know what I want and I say what I want and no one can take it away...
picciolarox
Cavaliere


Fama: 2
Messaggi: 9



Mostra profilo
« Risposta #5 inserita:: Marzo 18, 2008, 12:21:09 pm »

carl..........ma tutto in inglese..il sito...nn capisco niente... Broncio
sai,ke sito t consiglierei io???un sito di abbigliamento!!!!
Registrato
carlito
Signore
*

Fama: 5
Sesso: Maschio
Messaggi: 61



Mostra profilo
« Risposta #6 inserita:: Marzo 18, 2008, 02:17:05 pm »

carl..........ma tutto in inglese..il sito...nn capisco niente... Broncio
sai,ke sito t consiglierei io???un sito di abbigliamento!!!!


basta leggere!

c' anke in italiano...!

cerca "PENSARE IN ITALIANO"


ps: ecco il sito di abbigliamento: http://www.dolcegabbana.it/  Ghigno Ghigno Ghigno
Registrato

I know what I want and I say what I want and no one can take it away...
picciolarox
Cavaliere


Fama: 2
Messaggi: 9



Mostra profilo
« Risposta #7 inserita:: Marzo 18, 2008, 03:43:41 pm »

io m sn messa d'impegno...ma il sito PENSARE IN ITALIANO....nn funziona propriooo!!
nn indovina mai quello ke pnso.......m fa sl un sacco d domande..!!.andateci anke voi..e vedete!!!
Registrato
ninconanco59
Signore
*

Fama: 4
Sesso: Maschio
Messaggi: 65



Mostra profilo
« Risposta #8 inserita:: Settembre 06, 2008, 11:43:22 pm »

a tutti quiddi ca ddi nteressidi nu puochi i storia da terra nostra vi cunsijji i jidi a visita u siti (brigantaggio.it)e puva natu siti chi jedi (nazzione napolitana) facietimi sapi si i truvazi interessanti oppure no.
Registrato
Moka
Signore
*

Fama: 14
Sesso: Femmina
Messaggi: 68



Mostra profilo
« Risposta #9 inserita:: Settembre 07, 2008, 06:49:10 pm »

www.fieradisantorso.it
(opere e sculture tipiche valdostane per lo pi in legno)
.....andate nella gallery...se vi interessa....cos vedete anche ci che si fa da noi.
ciao a tutti moka   Occhiolino
Registrato
angel from
Nobile


Fama: 2
Sesso: Maschio
Messaggi: 22



Mostra profilo
« Risposta #10 inserita:: Settembre 10, 2008, 03:58:14 am »

a tutti quiddi ca ddi nteressidi nu puochi i storia da terra nostra vi cunsijji i jidi a visita u siti (brigantaggio.it)e puva natu siti chi jedi (nazzione napolitana) facietimi sapi si i truvazi interessanti oppure no.
----------------------------------------------------------------------------------------------
Bon giornu, stimatu Ninconanco. Aiu pruvatu a ff a ricerca supa i siti cchi ttu mais raccummannati ed aiu truvatu cosi cchi ci fani chiatr. Quiddu cchi aiu truvatu venidi attaccatu (ma chi cci capisciadi comi diciezi quanni mannazi nu sicunnu archiviu nzemmira). statu tiratu du situ www.wikipedia scritt'i talianu quannu faciemi a ricerca da storia du comunu di Avellino, quanni parlani di Giuseppe Nicola Summa, c muortu u 13 marzu du 1864 (fa tiempu...) e lla mugghiera ieradi Maria a'Pastora.  Senza dici nenti, prima cosa vuogghiu sapi da tia si quiddu cchi cc' scrittu i veru, si dicini a vrit. Sin yia ti vai a dici cosi basati supra buscighi, e, gi ca vuva ca taia risponni qu, scrittu e pubblicu, non putiemi f i fissi.  Supra ddatra ricerca cchi paroli "nazzione napolitana" nonn aiu truvatu nenti, o allura si non mi sbaglio ccedi na banda di rock ccu su nomi. E mmo singu yia : aspettu risposta tuva. Saluti. Angelo.
Registrato
ninconanco59
Signore
*

Fama: 4
Sesso: Maschio
Messaggi: 65



Mostra profilo
« Risposta #11 inserita:: Settembre 10, 2008, 08:01:10 pm »

angel carissimo tuttu quiddi casi liggiuti je verita chi vena tinuta segreta du statu italiano ma cce di chju ci su 1400 fascicoli militari chi riguardini propio u periodo 1860-1875 adduvi i cumandanti militari di savujardi ammazzavini a genti senza mutivi. jija ahi vinutu a conosci sti fatti picchi supa a na bancaredda a vrivicari truvai nu libri chi si ntitulava (I MASSACRI DEI SAVOIA NEL SUD)da quissi ai cuminciati a fa ancuna ricerca e ai scuperti ca cciani stati puri duji interrogazioni parlamentare adduvi i ministri jerini Spadolini e quddati jeridi Mastella tutti duji ministri dell'interno ma nissuni di duji a saputu da na risposta credibile supa a si fatti,
non ani saputu dici manchi chi fine ani fatti tutti i soliti e ddori chi i savoia anarrubbati puri alla genti chi viniva suspittata di jessi filo Borbonica e ppi quissi viniva fucilata,teng puri altri libri chi parlini di fatti ca puochi conoscini.
Registrato
angel from
Nobile


Fama: 2
Sesso: Maschio
Messaggi: 22



Mostra profilo
« Risposta #12 inserita:: Settembre 10, 2008, 08:03:18 pm »

Con l'Unificazione, dopo il 1860, nel Mezzogiorno s'innestarono rivolgimenti profondi che andarono a modificare la vita sociale, le abitudini e soprattutto l'economia delle nostre popolazioni. Fu imposto il servizio militare di leva e introdotte numerose tasse; le attivit artigianali e industriali esistenti non potettero sostenere la concorrenza di quelle organizzate e moderne del Nord, e l'agricoltura, attivit primaria, entr in crisi. Le gi misere condizioni dei contadini e degli stessi borghesi del Sud si aggravarono notevolmente, creando un clima di sfiducia e di delusione nei confronti del nuovo Stato. Esplose cos il fenomeno del 'brigantaggio', che trov vigorose adesioni nei contadini renitenti alla leva, nei soldati borbonici sbandati senza altro mestiere, e in quanti rimpiangevano il passato governo borbonico. Nelle campagne e nei boschi di Lagopesole, frazione di Avigliano, sorsero i primi e pi importanti nuclei del brigantaggio, comandati da Carmine Crocco di Rionero in Vulture e Giuseppe Nicola Summa, pi noto come Ninco Nanco, di origine aviglianese. Questo movimento presto dilag anche nelle vicine regioni confinanti. A difesa delle popolazioni si costituirono i reparti volontari della Guardia Nazionale, impotenti tuttavia a fronteggiare il fenomeno. Intervenne infine l'esercito piemontese e per ben cinque anni vi furono numerosi scontri con ingenti danni per la popolazione. Infine si arriv a debellare il movimento con l'uccisione di Ninco Nanco e, dopo la fuga a Roma, anche con l'arresto di Crocco, condannato all'ergastolov
Registrato
ninconanco59
Signore
*

Fama: 4
Sesso: Maschio
Messaggi: 65



Mostra profilo
« Risposta #13 inserita:: Settembre 10, 2008, 08:41:53 pm »

angel non je propio accussi penza ca u regno delle due sicilie jeridi a terza potenza economica a sicunna potenza navale,jeridi a potenza chi stavidi frichenni a livello industriale picchi avijidi l'industria metalllurgica chju avanzata e producividi i mejji locomotive in commercio in quiddu mumenti anta u 1859 avijidi na cunzegna i lociomotori di 600 unita chi quanni ana rrivati i savoia ani bluccati tutto e ani trasfiriti i fabrichi u nord cumpresi a manodopera specializzata i tilari chi cui tissivini a sita e a lana e tutto quiddi chi di buoni ceridi sana arrubbati e ani purtati u nord.
Registrato
ninconanco59
Signore
*

Fama: 4
Sesso: Maschio
Messaggi: 65



Mostra profilo
« Risposta #14 inserita:: Settembre 11, 2008, 08:42:00 pm »

Furono altres chiuse con decreto le antiche cave d'argento per favorire gli alleati francesi. Furono poi chiuse le ricche fabbriche manifatturiere e l'industria fiorente del baco da seta per favorire quelle del settentrione. Vennero boicottati i bacini e gli arsenali navali, in cui si fabbricavano prestigiosi battelli (il primo a vapore fu realizzato nel Regno) al fine di favorire i concorrenti cantieri liguri. Non si dette seguito alla costruzione di nuove tratte delle ferrovie che avevano (con la Napoli-Portici)iniziato i Borboni. In Sicilia, che era da secoli il granaio d'Europa e che dai suoi porti faceva partire prodotti agricoli ed agrumi per tutta l'Europa, si boicottarono i trasporti impedendo che le mercanzie giungessero regolarmente ai porti, i quali in breve tempo persero la loro secolare importanza mercantile. Fu introdotta la carta moneta, (dal 1866 a corso forzoso) al posto degli scudi in oro, anche perch fu prelevato il tesoro napoletanto e fu addirittura confuso il debito pubblico. Furono inviati al sud Prefetti settentrionali, che non capivano il dialetto e gli usi e costumi secolari dei meridionali e che furono visti come "truppa d'occupazione". Fu reintrodotta la tassa sul macinato , cio sul pane, che era l'elemento essenziale per la sopravvivenza dei poveri. Fu introdotta una tassa sul sale e sui tabacchi, che allora la Sicilia esportava in tutto il mondo, introducendo il monopolio di stato. Ebbero cos luogo sommosse popolari dei ceti affamati, che furono anche ferocemente spente dalla nuova polizia del nuovo Regno d'Italia.

Il brigantaggio insanguin le province meridionali per tutto il primo decennio di vita dello stato unitario e i caduti furono molte migliaia in entrambi gli schieramenti. Si pensi che, almeno sino al 1865, i due terzi dei reparti del neoformato Esercito Italiano (circa 120,000 uomini) furono impiegati nella repressione della rivolta meridionale. Basti pensare che fino al 1870 fu dichiarato lo stato d'assedio per ben 8 volte per reprimere quelli che vennero tuttavia definiti "quattro straccioni di briganti" che ancora non volevano arrendersi al nuovo re.

Bisogna poi sottolineare che, con l'annessione, venne introdotta la leva militare obbligatoria fino ai 40 anni (sino ad allora il servizio militare nel regno era a ferma volontaria) : questo fece s che molti giovani si dessero alla diserzione o andassero ad ingrossare le file dei "briganti". Un forte inasprimento degli scontri arriv nell'agosto del 1863 con la famigerata Legge Pica, che per far fronte alle rivolte nel meridione riporto la legge marziale, i processi militari e le deportazioni di molti "briganti" verso il nord del Paese e in particolar modo nella fortezza di Fenestrelle in Piemonte, da cui molti non fecero pi ritorno.

Gli eccessi dell'esercito regolare si verificarono in particolare nei confronti della popolazione civile, diversamente da quanto accadde nella coeva Guerra di secessione americana.

Molti furono i paesi e le citt che diedero un contributo in vite umane. Da ricordare sicuramente il massacro di Bronte da parte di garibaldini comandati da Nino Bixio, di Isernia dove furono mostrate le teste mozzate e racchiuse in una gabbia di 4 briganti, San Lupo, Casalduni e Pontelandolfo che furono quasi rasi al suolo dai bersaglieri.
dal sito regno delle due sicilie
Registrato
Pagine: [1] 2
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.11 | SMF © 2006-2007, Simple Machines LLC

U Siti i Vruvicaru - www.verbicaro.net - Cupirait 2006-2008 - Tutt' i diritt' s riservat'
XHTML 1.0 valido! CSS valido! Dilber MC Theme by HarzeM